SMARTUrban si articola su tre branche principali che riguardano la valutazione della qualità della progettazione di aree urbane e periurbane in base ai risultati ottenuti:


1) per il livello di comfort procurato, comfort così come definito dall'American Society of Heating Ventilation and Air-conditioning Engineers (ASHRAE) come quel particolare stato della mente che esprime soddisfazione con l'ambiente circostante. Questo aspetto è fondamentale quando si verificano estremi termici nei centri urbani (Figg. 1 e 2);
2) per la fissazione della CO2 atmosferica ottenuta, le foglie infatti fotosintetizzano e stoccano la CO2 nel legno, inoltre il miglioramento del microclima produce effetti indiretti sulla riduzione delle emissioni di CO2 per la riduzione dei consumi energetici per condizionamento e riscaldamento;
3) per l'abbattimento dei principali inquinanti atmosferici. Gli alberi infatti intercettano il particolato e assorbono alcuni dei principali inquinanti gassosi (NOx, CO, SO2, O3). Tali azioni avvengono sia per adesione sulle superfici vegetali (Fig. 3) (foglie e corteccia, le cui caratteristiche anatomiche sono fondamentali per determinare il sequestro), sia per assorbimento attraverso gli stomi (Fig. 4).
La qualità della progettazione influenza molto la vivibilità dello spazio progettato quindi una valutazione preliminare del progetto può migliorare significativamente le performance su questi temi.

 

                                               

 Figura 1. Fenomeni di estremi termici nei centri urbani                                                                  Figura 2. Fenomeni di estremi termici nei centri urbani

 

                                                                                    

Figura 3. Superficie fogliare fotografata al microscopio elettronico a scansione che evidenzia il particolato intrappolato sulla epidermide tra cui spore, polline e materiale carbonioso (Foto Alberto Giuntoli e Paolo Grossoni).

Figura 4. Assorbimento tramite aperture stomatiche di inquinati gassosi.

Progetto cofinanziato con fondi POR-CReO FESR 2007-2013
Linea d'intervento 1.5.a-1.6

regione